“Il valore di un’opera consiste nella sua espressione – quando una cosa è espressa bene, il suo valore diviene molto alto.”  

Carlo Scarpa

 

Officina03Architetti nasce nel 2007. L’attività prevalente dello studio è la composizione architettonica, strumento di riflessione culturale e sociale e mezzo attraverso cui indagare le molteplici declinazioni di spazio e forma.

Il progetto architettonico, inteso come l’intero percorso attraverso cui l’idea si prefigura in forma e la forma in spazio, fornisce l’ambito sul quale Scrivere e Ri-scrivere il territorio dentro il quale si materializzano delle prefigurazioni plastiche, prodotti diretti o indiretti, queste ultime, del nostro modo di vedere l’Architettura.

Il percorso creativo, attraverso cui un progetto si evolve, è costituito da differenti fasi ed è segnato puntualmente da momenti dialettici, una serie di riflessioni logiche o inconsce che si traducono in una grammatica che determina il valore fisico delle cose che stabilisce dei rapporti dimensionali  declinabili definitivamente in peso, spessore e forma. Ciò prescinde la dimensione e la scala di un progetto.

Spesso ci troviamo nella condizione di Ri-Progettare uno spazio, nel senso di dover pensare a uno spazio con delle ammissibili limitazioni (limitazioni dettate dal costruito con cui si generano relazioni, dal contesto o semplicemente dalla committenza) che frenano necessariamente lo slancio creativo ma al contempo generano delle profonde riflessioni critiche su ogni operazione formale e funzionale, plastica e linguistica. In tale senso il Ri-progettare è inteso come un punto di forza da cui trarre temi e nuove suggestioni linguistiche. Ri-progettare uno spazio significa Ri-usarlo, rintracciare quindi, in un organismo architettonico, delle caratteristiche qualitative o delle potenzialità inespresse o depotenziate dal tempo. Ogni qualvolta ci troviamo nella condizione di dover intervenire su uno spazio esistente-costruito e dotato di un carattere intrinseco non possiamo prescindere da questa fase analitica.

Definiamo la nostra grammatica compositiva come un sistema doppio che si dipana trasversalmente tra: la contemporaneità estremamente eterogenea, dal punto di vista linguistico, prodotto di un intricato lessico pluralista e la lezione della scuola razionalista che ha profondamente segnato la nostra formazione. La lezione Lecorbuseriana è sempre presente in ogni procedimento compositivo, costituendo, quasi inconsciamente ma talvolta tangibilmente, una regola disciplinare che nel corso degli anni ha generato l’humus linguistico- concettuale dentro cui si è generata la nostra idea di Architettura.

Riponiamo una profonda fede nella cultura dei materiali, nel suo valore intrinseco e quasi sacrale. Accostare dei materiali, e prima ancora sceglierli, ci obbliga a guardare al passato alla lezione che Carlo Scarpa ci ha tramandato, e con cui abbiamo voluto aprire questo breve testo che ci racconta, aspirando a comprendere il suo lavoro nel tentativo di ricucire la sua poetica con la contemporaneità dentro cui ci muoviamo.

 

Giannantonio Bagnato (Messina 17/06/1977) si laurea nel 2003 presso la Facoltà di Storia e Conservazione dei Beni AA.BB dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria, nel 2007 da vita allo studio Officina03Architetti.

 

Giuseppe Pizzimenti (Scilla 20/01/1980) si laurea nel 2007 presso la Facoltà di Architettura (IUSA) dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria, nello stesso anno da vita allo studio Officina03Architetti.

GET IN TOUCH:

CONTACT US:

Via Giulio e Corrado Venini 38/4

Milano 20127 Italia

  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • Houzz - White Circle
  • LinkedIn - White Circle
  • LinkedIn - White Circle

© 2017  Officina03Architetti